Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

Scritto da il 28 Dic, 2013 in Economia, News, Partito, Politica | 0 commenti

Destinazione Italia e Informativa a sostegno della crescita: misure per PMI

Destinazione Italia e Informativa a sostegno della crescita: misure per PMI

Il 13 dicembre scorso il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto legge contenente interventi urgenti di avvio del piano “Destinazione Italia” per l’attrazione di investimenti esteri e il miglioramento dell’ambiente di impresa.

Nel provvedimento sono presenti alcune misure rivolte alle imprese:

  1. Credito aggiuntivo per le imprese. Mobilitazione progressiva fino a 20 miliardi di euro di credito aggiuntivo. Incentivo all’investimento da parte di compagnie di assicurazione e fondi pensione verso il finanziamento delle imprese italiane.
  2. Credito d’imposta sul 50% delle spese per favorire l’incremento degli investimenti in ricerca e sviluppo. Un credito d’imposta sul 50% delle spese incrementali in ricerca e sviluppo negli anni 2014-2016, con agevolazione massima di 2,5 milioni di euro per impresa ed un budget totale pari a 200 milioni di euro annui, a valere sulla prossima programmazione dei fondi comunitari 2014-2020.
  3. Misure per l’internazionalizzazione delle imprese. Incentivi per esportazioni con un progetto complessivo che prevede il rifinanziamento dell’attività di promozione dell’ICE per 22 milioni di euro per l’anno 2014, l’estensione degli orari di apertura delle dogane e l’ampliamento dei consorzi per l’internazionalizzazione delle imprese agricole, facilitazioni nell’ottenimento di certificati e documenti anche in lingua inglese, e misure volte a favorire il funzionamento delle Camere italo-estere ed estere in Italia.
  4. Digitalizzazione delle PMI. Finanziamenti a fondo perduto mediante voucher dell’importo massimo di 10.000 euro per digitalizzazione e ammodernamento tecnologico delle PMI.
  5. Agevolazioni per le PMI. Semplificazione e razionalizzazione delle attuali agevolazioni concentrandole nella forma del mutuo agevolato a tasso zero ed eliminando la parte di contributo a fondo perduto per gli investimenti di piccole o micro imprese costituite da non più di sei mesi in forma societaria e in cui la maggioranza dei soci e delle quote di partecipazione sia composta da soggetti di età compresa tra i 18 e i 35 anni oppure donne.
  6. Misure a sostegno di nuove S.r.l. Maggiore pubblicità degli adempimenti presso il registro delle imprese e la previsione di modalità semplificate di pagamento dei diritti dovuti.
  7. Detrazioni fiscali per interventi di connessione digitale. Agevolazione per gli interventi volti ad assicurare una connessione digitale veloce per le PMI, mediante detrazione di imposta del 65% per un massimo di 20.000 euro per interventi di rete fissa o mobile che consentano l’utilizzo della connessione digitale. Tale agevolazione è data nei limiti consentiti dalla normativa europea di “aiuti de minimis”.

Il decreto legge, che è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 23 dicembre scorso, è stato assegnato alle Commissioni Riunite Finanze e Attività Produttive della Camera dei Deputati.

Oltre al “Destinazione Italia”, nell’ultimo Consiglio dei Ministri, il Ministro per la Coesione territoriale, Carlo Trigilia, ha presentato l’informativa “Interventi urgenti a sostegno della crescita”. L’operazione ha un valore pari a 6,2 miliardi di euro, provenienti per 2,2 miliardi dalla riprogrammazione del Fondo Sviluppo e Coesione (FSC); per 1,8 miliardi da quella del Piano d’Azione Coesione e per 2,2 miliardi dai Programmi dei Fondi Strutturali 2007-2013.

Tra le misure principali si segnalano quelle a sostegno delle imprese e per l’occupazione:

  1. 2,2 miliardi per rifinanziare il Fondo Centrale di Garanzia (1,2 miliardi) e per la creazione di nuova imprenditorialità giovanile nel settore della produzione di beni e nella fornitura di servizi (1 miliardo).
  2. 700 milioni per la decontribuzione a sostegno dell’occupazione giovanile, femminile e dei lavoratori più anziani. Inoltre, verrà sperimentata una misura per il reinserimento lavorativo dei fruitori di ammortizzatori sociali anche in deroga, compresi i lavoratori socialmente utili (Lsu).

Per approfondire:
– Sintesi misure “Destinazione Italia”: http://www.slideshare.net/Palazzo_Chigi/destinazione-italia-29185237
– Testo Decreto Legge pubblicato in Gazzetta Ufficiale: http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2013/12/23/13G00189/sg
– Informativa del Ministro Trigilia: http://www.governo.it/backoffice/allegati/74236-9162.pdf
– Sintesi riprogrammazione fondi: http://www.governo.it/GovernoInforma/documenti/Riprogrammazione_Fondi.pdf

Rispondi