Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

Scritto da il 25 Lug, 2014 in Enti locali | 0 commenti

Inceneritore di Salerno: ora la palla dobbiamo giocarla noi!

Inceneritore di Salerno: ora la palla dobbiamo giocarla noi!

La conferma della nomina di un commissario straordinario per la realizzazione dell’inceneritore a Salerno, seppur modificandone le funzioni, non è certamente un ottimo risultato. E’ però, un passo in avanti rispetto a ciò che si prospettava fino a qualche giorno fà.

Ci hanno provato in tutti i modi i parlamentari campani del PD e del M5S a far annullare il decreto del governo relativo alla nomina del commissario per la costruzione dell’inceneritore.

Purtroppo, tale richiesta è stata respinta, accettando solo un successivo emendamento presentato dai parlamentari del PD, i quali hanno chiesto ed ottenuto almeno maggiori garanzie. Infatti, il commissario, entro sei mesi dalla nomina, in base ad uno studio aggiornato sulla produzione dei rifiuti (che terrà conto sia del bacino di utenza che dello stato della raccolta differenziata fino ad ora raggiunta e che ci sarà in previsione), potrà disporre le eventuali modifiche alle caratteristiche tecnologiche e al dimensionamento dell’impianto medesimo e dovrà garantire, attraverso opportuni atti amministrativi e convenzionali, che il Comune nel cui territorio ricade l’impianto ed i Comuni confinanti e contigui, partecipino con propri rappresentanti ad organismi preposti alla vigilanza nella realizzazione e gestione dell’impianto, nel rispetto della normativa ambientale e di sicurezza.

La volontà è quella di dimostrare, con una raccolta differenziata che in provincia di Salerno è attualmente pari al 60% e con l’impegno serio dei Sindaci ad aderire al protocollo “Rifiuti zero”, che si potrà concretamente fare a meno dell’impianto perchè lo stesso risulterà inutile, anzi, dannoso. Per giustificare e far funzionare un impianto di termovalorizzazione c’è bisogno che la raccolta differenziata si faccia poco e male! Cioè c’è bisogno della vecchia politica, pigra, miope e ignorante. Noi vogliamo fare il contrario. Dobbiamo e possiamo dimostrare di essere qualcos’altro.

Siamo contro l’inceneritore perché vogliamo per una raccolta differenziata spinta, siamo per gli impianti di compostaggio, siamo per le isole ecologiche, siamo con gli amministratori che accetteranno la sfida del cambiamento e del buon governo perché in gioco c’è la salute dei nostri figli. Perché è la soluzione più conveniente sotto il profilo economico e ambientale.

Sono convinto che se dimostreremo all’Europa e al Governo Italiano che la provincia di Salerno è in grado di assumersi le proprie responsabilità con un sistema efficiente di gestione dei rifiuti, con un atteggiamento coraggioso e concreto, la soluzione alternativa all’impianto di termovalorizzazione potrà piacere a tutti!

Per evitare una multa salatissima dall’Europa, il governo ha preso tempo e ha rilanciato la palla nel nostro campo. Ora la palla la giochiamo noi, non buttiamola fuori.

Giuseppe Lanzara
Resp.le Enti locali
PD prov. Salerno

Rispondi