Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

Segretario

Nicola-Landolfi

Nicola Landolfi è nato a Salerno 44 anni fa. E’ sposato e ha un figlio. Ha cominciato il suo impegno sociale e civile nella seconda metà degli anni ’80, nell’associazionismo e nel movimento degli studenti, come rappresentante del Liceo “Severi”.

Sul piano professionale ha lavorato in radio e nell’ambito della comunicazione; ha diretto un’azienda del settore ambientale, ha gestito corsi di formazione e lavoro sulla gestione delle risorse idriche e della depurazione.

Ha fatto parte di un gruppo di lavoro nell’ambito del Centro Studi Urbanistico di Bari nel 2000.

E’ stato Segretario della Sezione di Pastena del PDS e ha fatto parte della direzione provinciale  di quel partito. All’atto di nascita dei DS è entrato a far parte anche della direzione regionale del partito.

Sempre delegato ai congressi nazionali, nel 1997  è stato candidato alle elezioni comunali nella lista dei PROGRESSISTI, superando le 1200 preferenze personali, al sostegno della candidatura a Sindaco di Vincenzo De Luca. E’ stato eletto in Consiglio Comunale a Salerno per tre volte.

Riconfermato consigliere, sempre tra i più votati, alle amministrative del 2001 e, poi, a quelle del 2006, ha svolto la funzione di CAPOGRUPPO della maggioranza dal 2002 al 2010, contribuendo alla svolta della sua città, da consigliere comunale, fino al 2011.

E’ stato Presidente dell’Assemblea dei Sindaci dell’ATO Sele nei primi anni 2000. Ha fatto parte, prima, del Consiglio generale, poi del Direttivo dell’ASI. Da amministratore comunale ha seguito maggiormente le politiche culturali, le politiche sociali, i quartieri della zona orientale.

Attualmente  a far parte del DIRETTIVO nazionale della Lega delle Autonomie Locali.

Nell’estate del 2010 è stato eletto Segretario del Partito Democratico, ruolo che riveste anche a seguito del congresso 2013, con l’85% dei consensi. Tra i maggiori artefici della proposta che ha portato Assunta Tartaglione alla segreteria regionale, contribuendo insieme al gruppo dirigente provinciale con 24.000 voti, che fanno di Salerno la prima forza regionale.